Category Archives: Giovanna Mezzogiorno

Giovanna Mezzogiorno

Oscars 2012: Cristina Comencini and Giovanna Mezzogiorno

Disappointment at the failure of Italy Oscar parties, in particular for the director Cristina Comencini and actress Giovanna Mezzogiorno.

Impasse, even for the funeral of Comencini who wanted to put a suit, but it was necessary to the long. So it takes a bit ‘of everything and mixes. It saves only because black is signed by Giorgio Armani. Undecided.

Blue as her magnificent eyes, dressed in Giovanna Mezzogiorno, color frequently in this edition of the Oscars (Sandra Bullock, Jada Pinkett Smith, Salma Hayek …). Alberta Ferretti dress in satin with black embroidery especially accompanying the cleavage. Magnetic.

STAR GOSSIP: Giovanna Mezzogiorno e Sofia Coppola toccano il cielo con un dito


Doppio fiocco azzurro per l’attrice italiana Giovanna Mezzogiorno. L’attrice de L’ultimo bacio e Vincere (dove conobbe l’attuale marito, il macchinista Alessio Fugolo, sposato un anno fa), ha dato alla luce Zeno e Leone. I due bimbi sono nati ieri, ma la località non è stata resa nota per rispettare la privacy dell’attrice e dei due nascituri. La neo mamma e i due gemellini stanno bene e ora Giovanna Mezzogiorno diraderà gli impegni cinematografici per dedicarsi ai suoi piccoli tesori.

Mamma di due bimbe, Romy e Cosima è Sofia Coppola, che ha deciso di ufficializzare oggi la sua relazione con il leader dei Phoenix Thomas Mars.
Per celebrare le nozze, Coppola ha scelto l’italia, esattamente Bernalda (provincia di Matera) in Basilicata, terra di suo bisnonno Agostino, nonché nonno di Francis Ford Coppola (che ha anche creato un resort ricavato da Palazzo Margherita, dove ha ospitato il rinfresco).
Per Sofia Coppola si tratta del secondo matrimonio, il primo fu con il regista Spike Jonze, matrimonio che finì nel 2003.
Organizzato da papà Francis, c’era il clan Coppola (composto da Nicholas Cage, Jason Schwarzman, Talia Shire e Robert Carmine, tutti nello showbiz), e ospiti d’eccezione come George Lucas, Al Pacino e Robert De Niro.
Un matrimonio made in USA, nello splendido scenario italiano. Congratulazioni!

Giovanna Mezzogiorno in “Vincere” [2009, Italy]

Veteran director Marco Bellocchio’s sumptuous epic, “Vincere” [Eng. Title: Win] is a historical drama about the former Italian dictator Benitto Mussolini and the deeply held secret of his first marriage to Ida Dalser – before he became Il Duce. The film won several awards, for flawless direction, exquisite cinematography, haunting soundtrack, and the performance by its lead actors, including the gorgeous and highly talented actress playing IdaGiovanna Mezzogiorno.
She portrays this tragic character quite sensitively and proves beyond doubt to be one of the finest actresses working in italy at the moment. The director had to walk a tight rope here – considering how one can get carried away while depicting infamous characters from history, but in some of the scenes, he has pulled out all stops with some awesome outdoor shots, and cleverly mixing these with archive footage. Highly Recommended Viewing..!The scenes posted here were taken from Bluray, so the quality is pretty good.

Scene 1:
The scene shows Ida’s first intimate encounter with her idol. a young and charismatic worker for the Socialist party, Benitto Mussolini…

Scene 2:
A combination of two scenes here – first when Ida discloses that she had sold all her jewels and the apartment so Mussolini could fund his fledgling newspaper – we realise how hopelessly she’s in love with him then. In the later part of the scene, we see her resigned to the fact that she would never be acknowledged by him as his legal wife. She draws his attention at an art exhibition, dressed (and behaving) like a tart.

Scene 3:
The more Ida proclaims Mussolini to be her legal husband – they secretly get married according to the film – the more she’s shunned by him. She was merely tolerated because she had borne him a child. That too dissappears soon and she’s physically assualted by Mussolini’s goons and placed in a mental asylum as a deranged woman. These are the beginning scenes there where she’s greeted by delusional inmates, including Silvia Ferretti who claims to be a student of famed ballerina Tatiana Pavlova.

.

Giovanna Mezzogiorno stars in Love in the Time of Cholera

Giovanna Mezzogiorno (Fermina Daza)

Born in Rome, Giovanna is the daughter of actors Vittorio and Cecilia Sacchi. She first worked in Paris for two years at the Peter Brook Workshop (Le Centre International de Crèations Thèatrales). She made her stage debut in Bouffes Du Nord with the role of Ofelia in “Qui est lá,” created and directed by Peter Brook, and based on Shakespeare’s “Hamlet”, with text by Artaud, Brecht, Craig, Mayerhold, Sanislavski e Zeami, for which she received the Premio Coppola-Prati 1996 (the jury presided over by theatre critic, Franco Quadri.)

In 1997, she made her film debut in Il viaggio della sposa (The Bride’s Journey) written by and starring Sergio Rubini. She was awarded the Nastro d’Argento fro New Talent in Italian Cinema. She was also given the Grolle d’Oro, the Globo d’Oro by the Foreign Press Association and the Premio Flaiano fro Best Actress of the 1997-1998 season.

In 1998, she starred in the film Del Perduto Amore directed by Michele Placido, with Fabrizio Bentivoglio and Sergio Rubini. She was awarded the Nastro d’Argento, the Ciak d’Oro and Premio Pasinetti fro Best Actress in a starring role. Also in 1998, Giovanna played the role of a young girl with muscular dystrophy for the Italian National Television Network, RaiDue.

In 1999, she played the role of Silvia in the film, Un uomo perbene, with Michele Palcido and Mariangela Melato, directed by Maurizio Zaccaro. Also in 1999, she starred in the film Asini, directed by Antonello Grimaldi, with Claudio Bisio.

In 2000, she traveled between Prague and Paris for work in the television film, Les Miserables, directed by Josèe Dayan, with Gèrard Depardieu, and John Malkovich. She then worked in Denmark on Nobel, directed by Fabio Carpi, with Hector Alterio. In Italy, she worked with Puglielli in Tutta La Conoscenza Del Mondo (All There Is To Know) and then, L’ultimo bacio (The Last Kiss) directed by Gabriele Muccino with Stefano Accorsi and Stefani Sandrelli (winning the Premio Flaiano).

In 2001, she played the role of Francesca in the film Malefemmene with Angela Molina and directed by Fabio Conversi. She also worked on State Zitti Per Favore, with Adriano Giannini and directed by Livia Giampalmo, in the role of the mother of twins.

In 2002, she played the role of the murdered journalist, Ilaria Alpi in the picture Il Piu Crudele Dei Giorni. She then worked in France on the series “Daddy”, directed by Giacomo Battiato and starring Klaus Maria Brandauer. Back in Italy, she starred in the film Facing Windows, directed by Ferzan Ozpetek, for which she earned many awards, including: the David di Donatello (the Italian Oscar), the Ciak d”Oro, the Nastro d’Argento, the Globo d’Oro by the Foreign Press (European Golden Globe), the Flaiano Award, and the Karlovy Vary Award.

In 2003, she played in L’amore ritorna, directed by Sergio Runini and the French film, Au secours, j’ai 30 ans, directed by Marie-anne Chazel, with Pierre Palmade.

In 2004, Giovanna starred in Virginia, directed by Alberto Sironi before returning to theatre to work with director Piero Maccarinelli in 4.48 Psicosi, by Sarak Kane, a one woman performance to much acclaim.

Giovanna starred in La Bestia Nel Cuore (Don’t Tell), directed by Cristina Comencini, in which she won the Coppa Volpi for Best Actress at the 62nd Venice Film Festival. Don’t Tell was nominated for an Oscar in the category of Best Foreign Film.

Most recently, Giovanna stars in Love in the Time of Cholera.

INTERVISTA A GIOVANNA MEZZOGIORNO “Lavoro da 15 anni , credo di aver dato il mio contributo al cinema italiano, ma senza sacrificare la mia vita”

Il New York Times la descrive come una “Volcanically Beautiful” (Bellezza esplosiva). Giovanna Mezzogiorno è stata inserita tra le migliori interpreti nelle previsioni per gli Oscar per “Vincere”. E’ stata , inoltre, premiata dai critici americani come best actress. (Miglior attrice).

“E’ una gran bella soddisfazione anche perché è passato tanto tempo, è come la scia lunga dopo le critiche stupende al film in America. Certo, ci aspettavamo che poi l’Italia lo nominasse per gli Oscar, ma fu scelto Baaria. Nessuna recriminazione , le logiche di certe decisioni sfuggono di più”.

Giovanna-Mezzogiorno

Perché “Vincere” piace tanto agli americani?

“Credo che li abbia sorpresi , non si aspettavano dall’Italia un film così duro, brutale, che non fa sconti ed è provocatorio perfino dal punto di vista delle immagini e del linguaggio. Lo considerano una specie di capolavoro , che non ha furbizie o ammiccamenti né le immagini da cartolina alle quali il cinema italiano li ha abituati”

Che rapporto c’è stato con Marco Bellocchio?

“Posso dire con la sicurezza che è nata una profonda fiducia reciproca, senza la quale un film così non sarebbe stato possibile. Io so che lui sa di avere in me una grandissima alleata. Con lui avevo fatto un provino per “La balia” , non era andato bene. Una cosa che mi rende felice è che il primo film di Marco su una donna è proprio “Vincere”. Con il personaggio di Ida Dalser fa un viaggio nella maternità , nella sessualità e in tutta la complessità dell’universo femminile”

Suo padre, Vittorio aveva lavorato con Bellocchio in “La Condanna” e alla fine era esploso contro la presenza sul set dello psicanalista Massimo Fagioli . Ricorda qualcosa di quel periodo?

“Sono solo ricordi di figlia, avevo 13,14 anni e in quel periodo ero a Roma con mio padre e andavo spesso sul set , facevo i compiti nella sua roulotte. Ricordo la fatica che faceva a lavorare, ma non avevo la maturità per confrontarmi con lui su questioni professionali. Nell’esperienza personale non ho avuto strascichi di quell’avventura . Del resto io ho incontrato un altro Bellocchio rispetto a quegli anni e il successo in America mi fa piacere soprattutto per lui , è una grande soddisfazione e una rivincita per Cannes, dove fu un grande dispiacere per tutti noi non aver vinto premi. Ma l’anno scorso sono stata in giuria a Cannes e ho capito che le logiche dei premi sono difficilmente spiegabili , le scelte sono il frutto di equilibri e compromessi”

Lei potrebbe recitare in inglese e francese , ma lavora soprattutto nel cinema italiano. E’ una scelta?

“Negli ultimi anni ho preferito stare qui soprattutto per motivi famigliari . Lavoro da 15 anni , credo di aver dato il mio contributo al cinema italiano, ma senza sacrificare la mia vita. Sono stata molto con mia madre. L’anno scorso si è aggravata ed è mancata alla fine di ottobre. Sono felice di esserle stata vicino”

aaf-full

Con sua madre , l’attrice Cecilia Sacchi , lei ha ideato il premio Vittorio Mezzogiorno

“Ci tengo tantissimo , e non solo per il ricordo di mio padre. Penso che in questo momento così difficile per l’Italia e con una politica così indifferente alla cultura , nel nostro piccolo, continuare a lottare per la qualità. E sono tante in giro per il nostro paese le compagnie di valore, come il Teatro di Legno che abbiamo premiato quest’anno con la giovane attrice Lucia Mascino. Il premio è ospitato dal Festival di Giffoni e insieme vogliamo fare tante altre cose. Non bisogna arrendersi”

Il suo ultimo film è “Basilicata coast to coast”, un piccolo cult

“Mi sono divertita moltissimo , dopo “Vincere” , dopo “La prima linea” avevo bisogno di una boccata d’ossigeno. Per me ormai alternare film intensi e duri con la leggerezza delle commedie è diventata una vera necessità”

E adesso?

“Sto lavorando ad un progetto per la televisione. MI piacerebbe anche tornare a lavorare in teatro, il primo amore. Però non ho nessun affanno”

E’ vero che è tifosa del Napoli?

“Le mie città preferite sono Napoli e Milano. Napoli la sento per via di mio padre , c’è il suo imprinting nei primi dieci anni della mia vita. Poi mi sono spostata verso il nord , MIlano è la città di mia madre. Tifosa scatenata forse no, ma se il Napoli vince sono contenta”